Home Page
QUARANT'ANNI IN UN GIORNO

a cura di Marco Fracas e Nicola Zanella Condividi SurfNews

L'epopea del surf in Italia raccontata dai suoi protagonisti

Abbiamo scritto varie volte che la storia del surf italiano è costituita da un puzzle di episodi slegati e limitati nello spazio. L'avventura a cui questo articolo tenta di rendere giustizia è però diversa, visto che inizia quando la parola 'surf' ancora non aveva fatto la sua comparsa nel dizionario della lingua italiana e copre un arco temporale di quasi quarant'anni. Marco e Alberto Fracas, Alfredo ed Enzo Giunto e Lorenzo Termanini infatti, hanno letteralmente diffuso (e volendo anche re-inventato) il surf in un'area che ha come fulcro Bogliasco e la Liguria ma che abbraccia anche la Versilia la Toscana fino a Piombino, la Sardegna, la Francia Mediterranea, la Romagna e tutto il nord. Per creare un legame tra il 1968 e il presente, abbiamo documentato una mareggiata nello spot più rappresentativo tra i tanti 'battezzati' da quei ragazzini negli anni '70, concedendoci una lunga e illuminante chiacchierata con Marco e Alberto, da cui è nato il testo che segue. Varazze, ora come nel 1978 quando fu scoperta, rappresenta l'apice di una ricerca, il luogo in cui quarant'anni di esperimenti, delusioni e amori convergono, focalizzano e diventano storia. N.Z.

1968 ' 1975: UN MONDO REINVENTATO

La nostra avventura comincia come quella di tanti ragazzini che d'estate giocano tra le onde, sotto l'occhio vigile dei genitori. Era l'estate del 1968 e il nostro mezzo era da anni il materassino da spiaggia, quello blu e rosso in vendita nelle mercerie degli anni '60, ottimo per riposare sulla spiaggia o galleggiare, pancia all'aria, poco lontano dalla riva. Io avevo dieci anni, Enzo nove Alfredo e Lorenzo avevano 12 e 16 anni. Ogni volta che c'erano le onde, cercavamo di gonfiare i tubolari a più non posso. Avevamo scoperto che più rigida era la superficie planante, più velocità prendeva il materassino nella sua corsa verso riva. Prendevamo le onde usandolo come un body-board nuotando a più non posso con ai piedi le pinne Rondine, quelle azzurre della Cressi Sub. La parola surf non aveva ancora fatto la sua comparsa nel dizionario italiano. All'epoca non esistevano pubblicità o immagini di surf di nessun tipo, non avevamo mai visto nessuno prendere onde, neanche in foto, e men che meno sapevamo dell'esistenza delle tavole. I materassini avevano dei limiti. La tela si strappava per via della pressione e della salsedine e la gomma si deteriorava producendo grosse bolle. E così abbiamo cominciato a provare oggetti diversi. Per prima cosa i 'paioli' delle barche, poi tavole da ponteggio, quelle usate dai cantieri di costruzione, fino a che un giorno, sostituendo le cabine nei bagni Arcobaleno a Bogliasco, provammo a prendere le onde con la porta della cabina 25, con tanto di maniglia e chiave! Era ingovernabile, pesantissima, troppo larga e si impuntava, ma ci fece capire che la rigidità era determinante per cavalcare le onde e che serviva qualcosa di rialzato in prua. Decidemmo di costruire qualcosa che avesse la forma del materassino ma che davanti fosse leggermente arrotondata. C'era un vecchietto dalle nostre parti, si chiamava Ezio Caffarena, era un maestro d'ascia, esperto nelle barche a vela. Lavorava al cantiere Primula Mare dove impermeabilizzava gli scafi usando la resina. I primi consigli ce li diede lui, impietosito dai nostri goffi tentativi. Fu lui a farci vedere la resina con l'induritore in pasta e a spiegarci come farla catalizzare e i tempi di lavorazione. E sempre lui ci raccontò di un legno africano leggerissimo, chiamato balsa, usato nel modellismo. Ordinammo la balsa alla Lecom, una grossa falegnameria di Quinto, ma non arrivò mai! Ci furono problemi con la nave container e dopo cinque mesi di frustrante attesa chiesimo di nuovo a Ezio, che ci consigliò di provare con il polistirolo. Ci insegnò a tagliarlo con l'archetto elettrico e un rudimentale trasformatore, visto che il polistirolo disponibile all'epoca era costituito da sfere molto grandi ed era impossibile carteggiarlo. Ci trovavamo di sera, dopo il carosello dalle 9 a mezzanotte: impiegammo sei mesi per sagomarlo! Il problema venne con la resinatura! Sbagliammo resina e la nostra creatura si sciolse sotto le nostre mani, come un ghiacciolo al sole! Allora ci indicarono dei pannelli usati per coibentare i muri. Erano lastre di schiuma rigida spesse 2cm, lunghe 2m e 20 e larghe 50-60cm. Ci accompagnò a prenderle il papà di Enzo con la Fiat 850 ma appena partiti con le lastre sul tetto, una folata di vento le spezzò. Ne comprammo altre tre la settimana successiva e una volta a casa le incollammo tra di loro per raggiungere uno spessore accettabile. Per rialzare la punta e la coda usavamo delle pietre fissate a prua, a poppa e al centro. Fummo costretti a resinare la tavola pezzo a pezzo con la fibra di vetro chiamata 'mat' visto che non esisteva ancora la stuoia che si usa oggi. Ne uscì la nostra prima creazione. Era lunga 220cm bianca e aveva due strisce longitudinali rosse. Prua e poppa erano praticamente uguali e ovviamente non aveva pinne visto che nel '70 non esisteva neanche il windsurf e le pinne non le avevamo mai viste! Provai la tavola senza carteggiarla. Uscii dall'acqua completamente tagliuzzato e imbrattato di sangue! Capimmo subito che la tavola andava carteggiata e passammo giorni a renderla liscia, facendo attenzione a non bucare lo strato di resina. All'epoca la nostra tecnica per prendere le onde era molto rudimentale: nuotavamo verso il largo pagaiando con entrambe le braccia parallele e pinneggiando con ai piedi le Rondine. Quando arrivava una schiuma ci giravamo verso riva e cominciavamo a nuotare. Tagliavamo le schiume da sdraiati, con questo catafalco ingovernabile. Allora le mute non esistevano così quando iniziò a far freddo mi misi addosso un K-way, con una maglia di flanella sotto, il tutto tenuto fermo da un elastico alla vita. C'era rischio di affogare vista la quantità di acqua che entrava nel K-way ma era sempre meglio degli 'slip' che si usavano in estate! Consigliati dal famoso subaqueo Gianni Risso, provammo anche a spalmarci col grasso di foca, quello usato per impermeabilizzare gli scarponi da sci, ma si scivolava troppo e così imbrattati eravamo impresentabili! Un altro grosso problema era quello di perdere la tavola visto che a 12 anni non avevamo sufficiente forza per contrastare le onde. Così fecimo un buco nella poppa e ci colammo dentro la resina. Passavamo una corda nel buco ce la legavamo alla caviglia con un cappio. Un giorno presi un 'frullone' più grosso del solito e la tavola strinse il cappio fino a far sparire la corda sotto la pelle: «male bestia!» Allora passammo ai tiranti elastici da macchina, che però avevano il problema opposto, cioè la tavola ti tornava indietro a boomerang. Dai tiranti passammo ai tubi di gomma, quelli usati per travasare la benzina e infine scoprimmo i fili di gomma delle sedie a sdraio. Invece del cappio iniziammo a usare stoffa, basilarmente stracci, avvolti attorno alla caviglia. Poi una sarta che ci aveva visto in mare ci suggerì di usare il velcro e quella fu una svolta! I primi esperimenti sullo shape li fecimo il secondo anno. Un signore che adesso è venuto a mancare, Pino Costa, ci suggerì di dotare la tavola di una chiglia 'a due acque', come quella delle barche a vela. E ci fece anche un modellino di legno per farci capire come doveva venire. Così costruimmo la seconda tavola quella che poi è diventata famosa. Pesava 38kg e mezzo e la battezzammo Nimiz viste le dimensioni e la somiglianza con una barchetta. Era venuta un pò male e, sinceramente, faceva schifo. Così Alfredo detto 'Pisot' la rinominò 'Il Merdone'. Eravamo riusciti a trovare delle lastre di coibenta molto più grandi spesse 3cm, così la dotammo di una specie di chiglia; una bordatura che proteggeva dagli spruzzi e impediva alla tavola di ingavonare. L'idea della pinna ci venne nel 1971, dalle derive delle barche a vela. Nostro padre costruiva e rivendeva mobili e il nostro falegname, il signor Pantano, ci consigliò il legno di frassino perchè notoriamente non teme l'acqua. Dotammo la Nimiz di una rudimentale derivona che tagliammo e resinammo sotto la poppa. Copiammo la forma dalla pinna dorsale degli squali. Prima di quel momento ancora non pensavamo fosse possibile salire in piedi sulla tavola. Però grazie a questa invenzione iniziammo a tagliare meglio le onde e a cavalcarle in ginocchio. Iniziammo ad accorciare le pinne da sub, a renderle sempre più piccole, finchè una volta mi misi in piedi e capì che quella era l'emozione che cercavo e che le pinne da sub non servivano più. Ma in piedi si scivolava! Su consiglio del falegmame, che usava la paraffina sui cassetti, iniziammo ad applicare questa cera bianco-trasparente durissima sulla tavola. Allora costruimmo altre due tavole, la terza e la quarta, una gialla di Alfredo e l'altra celeste per me. Visto l'esagerata curvatura che eravamo riusciti a imprimere alle lastre di coibenta le chiamammo 'le banane'. Dal 6 Novembre del '72 fino al '75 'scivolavo' sulle onde praticamente da solo. In estate e durante le mareggiate più grosse mi faceva compagnia Alfredo ma per il resto ero solo. Nell'Estate del '74, dopo un viaggio in America un nostro amico, Elio Zappavigna, importò le prime tavola da windsurf. Erano gialle e sulla vela (verde) spiccava un drago che reclamizzava un profumo della Hurlingham. Rimasimo molto stupiti nel vedere che qualcuno aveva inventato qualcosa di molto simile al nostro passatempo. Enzo riuscì a convincere suo padre a comprarne una e fù così che dal '74 iniziammo anche a fare windsurf. E fu in quegli anni che si formò la seconda generazione: Andrea Mungo, Marco Gallia, Mario Criaco, Paolo Bulgarelli (che era un bambino), Enrico Ferri, Enrico Carrara, Federico Furlanetto, Eddio Lo Vece, Gilberto Bonasegale, Monica Caffarena, Simona Meoli. Andrea Mungo e Marco Gallia comprarono due tavole chiamate 'skiboard' da un certo Bracco Pier Luigi di Alassio che le aveva importate dall'America. Erano dei piccoli longboard, morbidi e panciuti. Partivano prestissimo ed erano più facili da usare delle banane!

1976 ' 1980: DA BOGLIASCO A BAIARIZZA

Come molti degli spot liguri, Bogliasco necessita di una discreta mareggiata per produrre onde surfabili. Capimmo prestissimo che altre spiagge avevano onde in condizioni meteo diverse. Però l'unico ausilio meteorologico erano le previsioni del Colonnello Bernacca, prima del telegiornale della sera, e non era facile intuire il posto giusto. Un amico di famiglia, Pino Costa, faceva il capotreno e vedeva quotidianamene dalla locomotiva le spiagge della costa ligure e toscana. Le prime scoperte le facemmo seguendo i suoi consigli. Scoprimmo un sacco di spot tra il '72 e il '76: Andorra, San Lorenzo al Mare, Laigueglia, San Bartolomeo, Porto San Maurizio a Imperia. Levanto, ad esempio, lo scoprimmo nel '73-'74 e nessuno ci venne fino al 1980 quando anche in Versilia iniziarono a surfare e a spostarsi. All'epoca avevo una fidanzata più grande di me, Rosalina, che aveva la patente e ci portava in giro con la macchina di suo padre. Dormivamo in una canadese sulla spiaggia di Levanto rischiando di farci trascinare via dalla risacca. Cercavamo posti nuovi per fare questa cosa qua, che per noi era 'la tavola', visto che la parola 'surf' non la conoscevamo proprio! Un giorno nel 1975 arrivammo con l'850 oltre il confine francese, con il windsurf giallo, la Nimiz da 38kg e le due 'banane' legate sul tetto. Lungo la Promenade Des Ingles a Nizza, incontrammo un bagnino che evidentemente era stato sull'oceano e che aveva fatto windsurf. «Le surf!» disse vedendo le tavole. Fu lui a farci sentire questa parola per la prima volta. Ci disse che quello che facevamo era tipico di un posto che si chiama Biarritz ma noi non avevamo mai sentito parlare di questo posto e non parlando francese capivamo 'Baiarizza'. Sulla mappa non c'era nessun posto con quel nome. Proseguimmo fino a Aix-en-Provence e chiesimo a un camionista dove fosse questa Baiarizza. Lui ci guardò stupito poi si mise a ridere. Aprì una cartina sul cofano e ci indicò Biarritz. A noi sembrava vicinissimo ma quando capimmo che mancavano almeno 25 ore di auto abbandonammo l'idea. A quell'epoca l'autostrada arrivava fino a Nimes e da lì in poi era tutta strada normale fino all'oceano. L'anno dopo, il 1976, ci riprovammo. E qui comincia un capitolo decisivo della nostra storia, quando la nostra evoluzione ha finalmente incontrato il resto del mondo! Abbiamo riempito la mia Diane 6 azzurra di pasta, latte, sugo e carta igienica. Io avevo il foglio rosa ma Lorenzo e Alfredo erano di un paio d'anni più vecchi e potevano guidare. Salutammo tutto il paese diverse volte come se partissimo per la guerra ma appena arrivati al Ponte di Val Polcevera la Diane prese fuoco! Pioveva a dirotto ma spegnemmo il fuoco con due cartocci di latte poi misimo la carta igenica bagnata attorno alla bobina, sotto il cofano. La Diane ripartì a spinta ma ogni 15km il motore singhiozzava. Prima che si fermasse del tutto uscivamo fuori nella pioggia, toglievamo la carta sciolta e la sostituivamo con un nuovo rotolo. Ridevamo come matti e ci dicevamo: «Belin, questa macchina va' a carta igenica: fa 15km con un rotolo!» Ci mettemmo 48 ore a raggiungere l'oceano! La prima cosa che vedemmo a Biarritz, prima ancora delle onde, fu l'Hotel Victoria Surf. E ricordo perfettamente le nostre facce stupite: «Ma allora c'è altra gente che fa la cosa che ha detto il bagnino di Nizza! Qui han fatto addirittura un hotel per quelli come noi!» Di fronte al Victoria c'era il negozietto di Barland, il primo a costruire e vendere tavole in Francia. Quando abbiam visto quelle tavole, tutte lucide con disegni pazzeschi, con tutti gli accessori che noi ci eravamo costruiti da soli come le pinne e il leash, capimmo la nostra condizione. Scoppiammo a ridere poi, dopo aver studiato la versione corretta di tutte quelle novità chiesimo alla signora Barland dove fossero le onde. Ci indicò la Grande Plage, che era proprio dietro l'angolo del hotel. Alla vista di quelle onde oceaniche mi salì un'adrenalina in corpo che non avevo mai provato. A Biarritz il surf era arrivato già dagli anni 60 e in acqua c'erano surfisti bravissimi. Noi andavamo dritti verso riva, non sapevamo che si dovesse andare su e giù di traverso all'onda. Loro invece facevano manovre pazzesche e si infilavano nei tubi della risacca. All'epoca era di vizio fare i 360° e a noi sembrava una cosa impossibile. Entrammo in mare col cuore in gola e stanchi morti per il viaggio. In quella prima session scoprimmo un mondo nuovo, con regole ben precise che noi ignoravamo. Quando arrivava un onda noi ci buttavamo giù tutti assieme! Ma i francesi si lamentavano! Erano i pionieri storici del surf in Francia: Thierry Sansub, Francois Lartigau e Lamuoche che poco dopo sarebbe diventato campione d'Europa. Quella prima surfata finì quasi in zuffa! Tentarono di cacciarci dall'acqua, poi capirono che eravamo degli sprovveduti nel surf ma che non ci tiravamo indietro nelle zuffe e ci lasciarono in pace. Il primo posto che surfammo oltre la Grande Plage fù la Madrague, perchè i francesi, un pò stronzi, ci avevano detto che era un posto splendido e che ci andava anche Brigitte Bardot. Le onde facevano schifo. Ci avevano mandato lì per non averci tra i piedi alla Grande Plage! Tornammo in Italia portandoci dietro le prime tavole 'vere'. La prima Barland che comprai era bianca una swallow tail, single fin con la scassa. Lorenzo e Alfredo ne comprarono due usate, un gun pin-tail ed uno round tail.

DESTINI INCROCIATI

La scoperta di quel mondo ci diede vigore. Al ritorno continuammo a esplorare la costa. Cercavamo posti con fondale di sabbia per sfruttare le mareggiate più piccole che facevano fatica a frangere a Bogliasco. Una delle prime onde che surfammo verso est fu Marina di Carrara, vicino alla vecchia idrovora. Ci andavamo spessissimo negli anni dal 1974 al 1980. Ci portavamo dei bottiglioni di vino per scaldarci visto che le uniche mute all'epoca erano le Polar da sub, con tanto di mutandone di neoprene in mezzo alle gambe. Facevamo dei buchi nella sabbia per ripararci dal vento. Ricordo Paolo Bulgarelli (detto il Cobra) sepolto fino al collo nel buco, con noi attorno che fingevamo di giocare a golf con la sua testa! La 'scoperta' della Versilia è un capitolo importante che va dettagliato bene visto che si sono dette e scritte tante imprecisioni a riguardo anche sulle pagine di SurfNews. Noi arrivammo al molo di Forte dei Marmi già nel '74-'75, cercando riparo da una mareggiata enorme che non era surfabile a Marina di Carrara, e ci tornammo varie volte ma non incontrammo nessuno fino al 1978. Quando incontrammo i ragazzi di Viareggio, surfavamo già da una decina di anni e avevamo già le Barland comprate a Biarritz. Erano un po più giovani di noi e non sapevano neanche che cosa stessimo facendo. Venivano sul molo di Forte dei Marmi e ci guardavano come fossimo degli alieni. La prima tavola che arrivò in quella zona fu una delle nostre e non fu prima del '79-'80. Era la prima tavola che usciva dal nostro gruppo e in molti si lamentarono di questo 'tradimento', in particolare Mario Criaco che ci rimproverò per anni. Prima dei Versiliesi, infatti, ci avevano visto surfare i ragazzi di Marina di Carrara. Ed è completamente insensata la diatriba tra i Versiliesi e i Carrarini riguardo a chi ha surfato per primo. La verità è che il pioniere del surf di quell'area è stato Mario Pampino, un pescatore di Marina di Carrara al quale vendemmo una tavola nel '78. Pampino è stato uno dei primi surfisti di quella zona. Ario Bertacca, Francesco Farina e i fratelli Dini iniziarono dopo di lui. E loro aprirono subito un negozio, Natural Surf, che comunque non è stato il primo in Italia. Il primo è stato Centro Surf di Genova che esisteva già nel '76 e vendeva windsurf e poi tavole da surf. Il nostro gruppo intanto era diventato famoso nell'area di Genova. Attorno al '80, spinti dal successo di Un Mercoledì da Leoni, iniziarono ad arrivare quelli della terza generazione. Tutta gente di Genova e Milano, molti dei quali hanno smesso poco dopo. E fu allora che si iniziarono a trovare le prime tavole, comprate da Waimea surfshop e provenienti dalla Cornovaglia. In quegli anni cominciarono a giungere voci di altri gruppi che facevano surf in giro per l'Italia. Alla Venere Azzurra, ad esempio, c'erano Paolo Oriani, Otello Segni e una piccola comunità sorta separatamente dalla nostra. A Roma c'erano Giorgio Pietrangeli, Massimo Navarro, Andy D'anselmo che era figlio del console di Panama, Maurizio Marchisio, Carlo Piccinini, Vinci Ceglia, il figlio del comico Oreste Lionello. A Biarritz, negli anni seguenti, incontrammo Bruno Scioli uno dei pionieri nella zona di Ventimiglia e conoscemmo i primi della Costa Est. Nel '82-'83 conoscemmo Marco Gerbella, uno dei pionieri in Adriatico assieme a Baroncelli e Tazzari. Dormiva in spiaggia con una tendina e stava rischiando di venir travolto dalla alta marea quando lo abbiamo svegliato. Anche Milano aveva surfisti fin da fine anni '70. E addirittura bisogna dire che i milanesi arrivarono a Varazze contemporaneamente a noi, anzi, arrivarono mezz'ora prima di noi nel 1978 e surfarono per primi assieme a Federico Furlanetto! Quando la scoprimmo, Varazze era molto diversa da come l'abbiamo surfata oggi. Al posto del moletto c'era una stradina sterrata per i camion. Un giorno arrivò una grossa mareggiata di scirocco che poi girò a libeccio cacciando in mare le pietre della stradina. Le prime onde sulla secca le prendavamo lanciandoci da un sasso semiaffiorante che chiamavamo Godzilla, rischiando di rompere le pinne visto che l'acqua, nel take-off, arrivava al ginocchio. Quando arrivava l'onda ci buttavamo da in piedi, spingendo la tavola in avanti e prendendo la destra. C'erano anche alcuni ferri pericolosissimi, residuo di costruzioni in cemento armato, che puntavano verso il largo. Allora per evitare di sventrarci, ci immergemmo con la maschera, legammo i ferri a una corda e li trascinammo via usando la jeep di Adrea Mungo. Dal 1980 ad oggi il surf ha subìto un'impennata di popolarità impensabile ai tempi della Nimiz e mi stupisco quando a Levanto, che noi abbiamo surfato in solitudine per anni, ci trovo 200 persone da tutto il nord Italia. Ma proprio perchè adesso il surf interessa un numero altissimo di persone, penso sia necessario mettere i puntini sulle 'i' e raccontare gli inizi di questa passione. Perchè la storia, anche quella di uno sport come il nostro, è un bagaglio comune, che si può condividere, raccontare ma non inventare.

Un ringraziamento dalla redazione di SurfNews alle famiglie Fracas, Giunto e Termanini per il materiale fotografico, a Filippo de Montis (surftotal.it) per la segnalazione e a tutti i locali di Varazze per la splendida accoglienza.


Ricerca SurfNews
Articoli
THE MYANMAR ITINERA

Storie di cambiamento e repressione armata in Birmania

Rangoon, ...
DA TAIPEI A KENTING

Le altre onde dell'altra Cina

Taipei, agosto '08. ...
QUARANT'ANNI IN UN GIORNO

L'epopea del surf in Italia raccontata dai suoi protagonisti

Abbiamo ...
ISOLE FAROE

STAGIONE SURF: Maggio-Ottobre

MUTA: 5.4mm con cappuccio, guanti, ...
SINFONIA IN BLU

La Surf-Art di Gilberto Piccinini

Cosa ...
Archivio magazine »
Scarica gratis Surfnews Magazine