Home Page
SURF ART

a cura di Mariano Randazzo Condividi SurfNews

Nomi: Luca e Alberto De Gennaro.

Età: 23 e 17.

Occupazione: Commesso da Surfside, diploma liceo artistico lo scorso anno.

Surf spot: Isola delle Femmine (PA).

Contact: brothers@email.it

Iniziata con il writing la loro esperienza nel tempo si è ampliata abbracciando nuove forme pittoriche. La semplicità dei loro lavori (tecniche e tematiche) è contrapposta ad una complicata visione 'new school' del surf.

Chi ha iniziato a surfare per primo?

Luca: Io, circa un anno e mezzo prima di mio fratello.

... e a dipingere?

Alberto: Sempre Luca.

Cosa dipingete prevalentemente?

L: Entrambi ci dedichiamo principalmente alla realizzazione di volti e di nature morte.

A: Sì, come ha detto Luca i soggetti sono pressoché gli stessi per entrambi.

L: Mio fratello si concentra prevalentemente sull'utilizzo delle tinte piatte mentre io tendo un po' di più allo sfumato.

Qualcuno dice che ciò che fate è riconducibile vagamente alla 'pop art', è vera questa affermazione?

A: Pop art?... per certi aspetti non posso negare che i nostri lavori contengono qualche sfumatura pop, in effetti è un po' difficile da dire con precisione. Di sicuro posso dire che non mi piace tanto che ciò che faccio venga catalogato secondo i parametri di una determinata corrente o stile.

Com'è avvenuto il passaggio dal writing sui muri di Palermo alla pittura su tela?

L: Ho iniziato a dipingere con gli spray circa otto anni fa e allora tele e pennelli erano ancora molto lontani tra loro... Abbiamo iniziato scrivendo tag su ogni muro del quartiere. La cosa che ci prendeva era vedere le reazioni della gente che scopriva ciò che facevamo. Cercavamo di uscire dall'anonimato grazie al tagging e all'inizio, chiaramente, non curavamo assolutamente l'estetica. In seguito, col passare del tempo, lo spirito 'out for fame' è un po' svanito e ho cominciato a dare sempre più importanza al lato estetico sia in riferimento alle lettere che ai colori. Tentavamo di unire la quantità (tagging ovunque) alla qualità. Il desiderio di imparare mi ha fatto avvicinare col tempo ad altre forme di pittura e a studiare gli impressionisti, Lempicka e poi Hopper e Warhol. E' stato così che a poco a poco sono arrivato alla tela.

Cosa pensate del 'boom' che ha avuto il surf negli ultimi tre anni soprattutto a Palermo?

L: penso che sia positivo il fatto che se voglio la paraffina scendo da casa vado al surfshop e la compro invece di aspettare che mia mamma finisca il Galbanino per prendere la scorza e usarla come cera! Questo vale ovviamente per tutta la roba tecnica come tavole, mute, etc. Ma la maggior parte dei surfshop non vende solo tavole e roba tecnica ma anche abbigliamento e 'moda' quindi capita che qualcuno entri per comprare una maglia ed esca con la tavola sotto braccio e la scena si espande. A Palermo ci sono tanti ragazzi realmente motivati. Vedo un sacco di pischelli fomentatissimi che fanno chilometri in motorino per 20 cm onshore ed è questa l'attitudine in cui mi rispecchio: una tavola e' selvaggi in acqua!


Ricerca SurfNews
Articoli
SCOZIA

Vicino alla penisola di Wrath, nella Scozia del nord, si celano spiaggie ...
SARD TRECK

Giovedi 07 novembre

"Pat Towersey... Marcos Anastasio... but... ...
SUD AFRICA

Un lungo volo ci porta da londra a Johannesburg, dove atteriamo la mattina ...
SUGGESTIONI

Ci sono periodi in cui mi illudo che in Italia si possa fare surf' o meglio, ...
SURF ART

Nomi: Luca e Alberto De Gennaro.

Età: 23 e 17.

Occupazione: ...
SURF ART

Nome: SIDDARTA

Cognome: FEDELE

Vive a: MILANO

Età: ...
Archivio magazine »
Scarica gratis Surfnews Magazine