Home Page
CLIMA SURF

a cura di SurfNews / ilmeteo.it Condividi SurfNews

Schemi meteorologici e surfabilità del Mediterraneo

Ci sono voluti quattro millenni di storia prima che qualcuno rivolgesse uno sguardo 'diverso' alle onde italiane: quel 'qualcuno' siamo noi, i surfisti. Dagli anni '80 in poi, per un gruppo sempre crescente di persone, le onde prodotte da Maestrale, Libeccio, Bora e Scirocco hanno smesso di costituire solo un intralcio alla pesca ed alla navigazione e si sono trasformate in un tesoro da cercare, in una risorsa volubile e preziosa da proteggere e condividere. Da queste masse d'acqua e dai venti che le generano dipendono, in maniera molto diretta, il divertimento e la qualità della vita di chi è stato folgorato da questa passione. Il dubbio amletico di chi si avvicina a questo sport, magari in una delle tante scuole surf della penisola, è sempre lo stesso: 'Riuscirò ad imparare, migliorare e diventare un surfista completo partendo dalle piccole onde di casa nostra? Trent'anni di surf in Mediterraneo, atleti di calibro europeo, 300 negozi specializzati e migliaia di praticanti in tutte le regioni, dimostrano che, la risposta è SI. Essere al posto giusto nel momento giusto, sincronizzarsi alla perfezione con il respiro del mediterraneo non è mai stato facile come ora: non è un caso se il 35% dei praticanti in Italia vivono lontano dal mare. Fino ad una decina di anni fa, infatti, l'unico modo per conoscere lo stato del mare era quello di controllarlo tutti i giorni. Ora, grazie alla tecnologia e ad internet, i dati su altezza e direzione delle onde sono sotto gli occhi di tutti 24 ore al giorno, estendendo anche a chi non vive sulla costa la possibilità di esserci nei momenti 'importanti'.
In questo articolo, dedicato principalmente a chi si avvicina al surf per la prima volta, vi presentiamo le più tipiche situazioni meteorologiche e le conoscenze oceanografiche di base utili per ottenere il meglio dalle condizioni surf mediterranee.

IL MAESTRALE - È un vento generato dalla massa d'aria marittima fredda nel Golfo di Biscaglia. Scende da N/O o da N lungo la valle del Rodano, sfociando nel Golfo del Leone quando in esso è presente una bassa pressione. Successivamente colpisce le coste occidentali della Sardegna e della Corsica, entra nelle Bocche dei Bonifacio e, attenuato, raggiunge il Tirreno. Lo stesso vento interessa poi la Sicilia occidentale e lo Stretto di Sicilia. Insieme con la Bora è il vento che raggiunge le maggiori intensità. E' il vento prevalente nel Mediterraneo centrale da cui la gran frequenza di onde sulle coste esposte ad Ovest. Sardegna occidentale, Sicilia settentrionale, Toscana, Lazio e Liguria di Levante sono le aree migliori per la pratica del surf in queste condizioni.

IL LIBECCIO - Trae la sua origine dalla massa d'aria tropicale continentale calda ed è molto frequente nei bacini occidentali, facendo sentire i suoi effetti fin nel Golfo di Genova. Affidabile e prevedibile è frequente quando il minimo depressionario si posiziona ad ovest della Sardegna o tra Francia e Baleari. Surfisticamente questa situazione è quasi ideale: Sardegna meridionale, tutta la costa Ovest dalla Campania alla Liguria vengono interessate da onde lunghe e ben spaziate. Le mareggiate da Libeccio grazie al lungo fetch possono produrre onde di qualità anche per svariati giorni.

LO SCIROCCO - Ha la sua genesi nella massa d'aria tropicale continentale calda. Si stabilisce in presenza di una bassa pressione situata a N o N/O dell'Italia oppure sull'alto Tirreno e/o Golfo di Genova. Proviene dalle lande sahariane, passa sul mare e giunge sulle nostre coste umido e carico di pioggia. Quando il centro depressionario si trova sul Golfo di Genova o in prossimità della Corsica, si ha maltempo su quasi tutte le regioni della penisola ma alcune delle condizioni surf migliori lungo entrambe le coste. Lo scirocco soffia impetuoso lungo Ionio ed Adriatico attivando alcune delle migliori onde della penisola. Calabria Ionica, Lazio, Puglia, Romagna si esprimono al meglio proprio con questa situazione. La conformazione particolare del mar Adriatico, incanala la massa d'aria dal Canale d'Otranto sin verso le coste venete e friulane. Negli anni passati minimi depressionari profondi sul Golfo di Genova e stazionari per molte ore, hanno prodotto venti di scirocco forti su tutto il mar Adriatico, con conseguente mare agitato e, talvolta, acqua alta sulle lagune venete.

IL GRECALE - È un vento forte di N/E tipico del versante ionico, della Puglia e delle coste orientali della Sicilia. Spira maggiormente durante l'inverno. E' generato da un'alta pressione sui Balcani in sinergia con basse pressioni in movimento dal Tirreno verso S/E. Le regioni del Sud Est sono le più interessate da questa situazione che surfisticamente non è certo tra le migliori visto il limitato fetch a N/E di Marche, Abruzzo, Puglia.

LA BORA - Associata alla massa d'aria continentale fredda, soffia da NE. Nell'alto Adriatico, ha direzione E-N/E ed è un vento locale. La Bora è il secondo vento più frequente in Mediterraneo dopo il Maestrale e alza onde surfabili dal delta del fiume Po fino alla Puglia. Ancora una volta nonostante la famosa violenza con cui questo vento sferza l'Adriatico, le onde generate raramente diventano lunghe e di buona qualità.

IL VENTO E LE ONDE

Una volta capita la stretta relazione tra i venti del Mediterraneo e le onde lungo la nostra penisola, cerchiamo di analizzare la vita e la 'surfabilità' delle onde, da quando si generano in mare aperto a quando fragono sulla costa per la gioia dei surfisti. La grandezza delle onde dipende, infatti, dalla forza del vento, dal tempo e, importantissimo, dalla lunghezza della superficie (di mare) su cui il vento soffia, appunto il Fetch.
' Un vento di 30 km/h soffia per 6 ore su una superficie (fetch) di 200km. Seguendo la tabella scopriamo che le onde saranno alte circa 1,2m.
' Se il vento continua per altre 6 ore (in tutto 12 ore) sullo stesso fetch (200km) le onde raggiungeranno i 2m.
' Se il vento avesse intensità doppia (60km/h), le onde sarebbero 3m dopo 6 ore e circa 5m dopo 12 ore.
In caso di spazi limitati, l'altezza massima raggiungibile dalle onde è limitata dalla misura del fetch. Tornando all'esempio della costa Est italiana, siccome il vento agisce su un fetch di dimensioni limitate, anche con venti da uragano le onde non possono superare una certa misura. La tabella mostra esempi della massima altezza (teorica) possibile in situazione di fetch limitato. A prima vista queste cifre sembrano esagerate. Sono massimi teorici, in pratica il vento non soffia mai su tutto il fetch e non soffia così intensamente e per un periodo così lungo nella stessa direzione.

LE ONDE: FORMAZIONE

Escludendo onde 'speciali' tipo tsunami, l'unica cosa che genera le onde delle nostre coste è il vento sull'acqua. Dagli anni cinquanta si è venuta delineando una teoria che tiene conto di due meccanismi. Il primo inizia producendo piccole onde sulla superficie piatta del mare mentre il secondo trasforma le onde piccole in onde più grandi. Lo stadio iniziale della generazione ondosa sono queste piccole creste chiamate onde capillari. Sono diverse dalle onde che surfiamo perché la loro forza di recupero è costituita dalla tensione superficiale anziché dalla gravità. La forza di recupero è la forza che tenta di riportare la superfice dell'acqua alla sua posizione originale dopo essere stata mossa da qualche agente. Il vento però non soffia sempre orizzontalmente, si muove a volte a caso, salendo e scendendo e quindi portando pressione sulla massa d'acqua. Queste pressioni producono increspature. Immagina ora di avere un ventilatore puntato sulla superficie dell'acqua, vedresti piccole onde propagarsi dal punto in cui hai fissato il ventilatore. Immagina ora di seguire col ventilatore lo spostamento dell'onda lungo la superficie dell'acqua. Il vento la farebbe crescere poiché aggiungerebbe energia all'onda in movimento. E' quello che succede in mare: il vento segue le onde appena prodotte facendole crescere con la sua energia. La crescita delle onde prodotte da questo primo meccanismo è lineare nel tempo. In altre parole, se il vento soffia per il doppio del tempo, la dimensione diventa due volte più grande. Il secondo meccanismo è in qualche modo autoperpetuante. Appena le ondine capillari cominciano ad esistere, la superficie si increspa. Questo modifica il flusso di aria sulla superficie provocando altre turbolenze. La differenza è che ora queste nuove turbolenze non sono puramente casuali ma sono legate al moto delle onde. Seguono le onde automaticamente perché sono un prodotto di esse. Così il vento soffia sulle onde esistenti e le fa crescere, la superficie si increspa e crescono le turbolenze, questo aumenta le onde e così via. Semplificando, quando la superficie viene interessata da un'onda si increspa, il vento ha miglior presa sulla superficie e fa crescere le onde. Le onde crescendo migliorano la presa del vento e via di seguito. A questo punto la crescita non è lineare ma esponenziale, più le onde sono grandi e più crescono in fretta. Le onde adesso sono cresciute e la forza di recupero non è più la tensione superficiale ma la forza di gravità. Le onde si ingrossano col vento ma sarebbe ridicolo pensare che crescano ad oltranza. Se fosse così, ad esempio, nei '40 ruggenti' (roaring forties) dove gli alisei soffiano da sempre, le onde dovrebbero essere infinitamente grandi. Quando le onde raggiungono una certa altezza si instaura un equilibrio tra la forza generatrice (il vento) e la forza di gravità che tende ad abbassarle. In altre parole il vento non le fa crescere ulteriormente, la forza di gravità le tiene giù. Se il vento rinforza, crescono.

ONDE FRANGENTI

Quando raggiungono acque meno profonde, dove la conformazione del fondale (la batimetria) comincia ad influenzarle, le onde assumono le caratteristiche care ai surfisti. A causa dei milioni di diverse possibili configurazioni batimetriche e grazie alle leggi della rifrazione, la mareggiata può essere trasformata in molte onde diverse. Quando le onde si avvicinano alla costa, la topografia del fondo marino e la configurazione del fondale (roccia, reef o sabbia) determinano se l'onda avrà caratteristiche di point, reef, beachbreak e se romperà verso destra o sinistra. Di seguito analizziamo queste tipologie di onde. Non esiste una traduzione italiana per Point, Reef, Beach-.break quindi è bene prendere famigliarità con questi termini inglesi molto ricorrenti sulla stampa specializzata e sulle guide surf.

POINT-BREAK Immagina una ampia baia, una striscia di costa su cui le onde rompono formando un angolo quasi retto con la direzione della costa. Immaginatevi le barre che si avvicinano a riva. Un estremo della linea di mareggiata, raggiungendo l'acqua bassa in cima alla baia rallenta, si piega verso il reef e dissipa l'energia rompendo. Una parte si piega sul reef e frange, l'altra continua in acqua profonda. In questo caso le onde sono defocalizzate cioè dissipano l'energia verso l'esterno. In un point, al momento di rompere la misura e la forza delle onde si riduce perché l'energia è dispersa su un'area maggiore. In compenso le onde saranno molto lunghe e stese e manterranno la stessa misura (o quasi) mentre si srotolano sul reef. Infatti, in alcuni point classici come J. Bay, Kirra, o anche Capo Mannu l'onda cala poco di misura dopo la partenza e rimane surfabile per diverse centinaia di metri. Inoltre, siccome le onde devono girare attorno ad una penisola prima di framgere, il line-up viene a trovarsisi spesso in una zona protetta dal vento, I point per natura non sono molto influenzabili dalla qualità della mareggiata. Il point anzi, può rende surfabile una swell che sarebbe caotica su un tratto di costa aperta.

REEF-BREAK Il reef-break invece ha caratteristiche completamente diverse. Nei reef le onde colpiscono perpendicolarmente una punta di roccia che esce da un tratto di costa aperta. Gli estremi della linea di mareggiata stanno viaggiando sopra acqua fonda quando la sezione tocca l'acqua bassa. Siccome le due estremità sono più veloci, si piegheranno verso il centro. Il risultato è un'onda a forma di 'U' detta 'bowl' nella quale tutta l'energia invece di disperdersi nell'acqua profonda (come in un point) si concentra al centro della barra, sul picco. Il reef amplifica la mareggiata e la crescita in altezza delle onde può essere a volte sorprendente. In alcuni break, il normale calo di misura dovuto alla dispersione circolare (specie se le onde vengono da molto lontano) viene ampiamente compensato dalla rifrazione del fondale. Questo tipo di onda è di solito veloce, immediata e con una partenza critica. Sono tipici 'reef-break' onde come Theaupu (Tahiti), Hierro Isquierda (Fuerte Ventura) e Varazze (Liguria). Questo break é frequente lungo tratti di costa aperti ed è di solito sensibile alle condizioni di vento e alla direzione e qualità della swell (in pratica se le onde vengono da burrasche lontane o locali). La sua caratteristica principale è di amplificare onde altrimenti insurfabili.

BEACHBREAK Infine abbiamo le spiagge (beachbreaks). In questo caso la rifrazione sulle secche di sabbia determina come e dove le onde rompono lungo la spiaggia. La maggior parte delle spiagge (purché sufficientemente lunghe) sono ondulate. Applicando le regole basilari della rifrazione vedremo che le onde saranno 'focalizzate' nelle zone di acqua bassa (le secche) e 'defocalizzate' attorno alle aree di acqua fonda (i canali).In questo modo abbiamo il classico scenario del beachbreak, vari picchi lungo la sua lunghezza e canali tra i vari picchi. Naturalmente non tutte le spiagge sono così. Per esempio in una spiaggia molto piccola e fonda, la defocalizzazione attorno ad entrambe le punte rende le onde stese ed uniformi lungo tutta la spiaggia. In questo caso le onde si inarcano prima di frangere contemporaneamente lungo tutta la baia.

GROUNDSWELL: Lungo le coste oceaniche le basse pressioni nascono a migliaia di chilometri dalla costa, le tempeste al largo generano onde che coprono grandi distanze prima di raggiungere terra. Le condizioni di vento lungo la costa non hanno quasi niente a che fare con i sistemi meteorologici che generano le mareggiate. Questo genere di situazione viene comunemente chiamata Groundswell.

WINDSWELL: In un mare di dimensioni ridotte invece le mareggiate non hanno abbastanza spazio per allontanarsi dalle tempeste di origine. In questo caso i surfisti si affidano ad eventi metereologici che passano dritto sulle loro teste. Surfano nel centro stesso della tempesta. Le onde in questi casi non arrivano da mareggiate lontane ma sono onde di vento, generate poco lontano. Appena il sistema depressionario è passato, il vento gira da terra e pulisce le onde per un po' finché non le appiattisce del tutto.Paragonando queste condizioni a quelle oceaniche ci accorgiamo che in un sistema come questo con spazi e tempi molto ravvicinati, la variabilità di condizioni è molto grande. Per prevedere con successo le condizioni di surf 'nel fetch' serve una precisa conoscenza della costa e degli schemi metereologici locali.

ONDE POTENTI ' ONDE FIACCHE

Perché le onde che vengono da lontano sono più potenti di quelle generate da una mareggiata vicina alla costa? Per capire questo dilemma del surf dobbiamo considerare due cose. Prima di tutto, una mareggiata che viene da lontano contiene solo onde a lunghezza d'onda lunga mentre un moto ondoso prodotto da vento locale ne contiene tantissime a corta lunghezza d'onda. Bisogna anche capire che le onde (di acqua) sono dispersive, in altre parole maggiore è la lunghezza d'onda, maggiore é la velocità. Ne segue che, onde pulite e lunghe si muovono più velocemente, sono più spesse e generalmente rompono con maggior forza. Le onde prodotte da vento locale sono invece più lente e rompono con minor forza. Se poi surfi quando il vento è ancora da mare, le onde tenderanno ad accavallarsi e a rompere in acque più profonde. In questo caso sono meno ripide di quelle generate da una mareggiata pulita che viene da lontano ed incontra vento da terra. Surfare dentro il fetch, cioè con vento attivo è un mondo completamente diverso. I surfisti qui hanno a che fare con un set di parametri completamente diversi da quelli che si hanno sull'oceano. Il modo in cui rompono le onde è diverso e, per avere buone condizioni molti fattori devono coincidere. Tutto si muove più velocemente e devi essere al posto giusto nel momento giusto per goderti qualche ora di buon surf. Le condizioni di surf dentro il fetch sono molto più difficili da predire rispetto alle mareggiate che vengono da lontano, serve conoscenza locale, esperienza, istinto e un po' di fortuna.

Ricerca SurfNews
Articoli
SURFARE IN ITALIA

Il dove, il quando, la storia di un sogno divenuto realtà.

'Il ...
ROTTE SURF

Dai polinesiani al Mediterraneo. La storia della surf exploration attraverso ...
UN INVERNO TROPICALE

Una stagione surfistica preoccupante sullo sfondo del cambiamento climatico. ...
DECALOGO SURF

Le dieci regole della libertà

Regole e libertà: può ...
INSIDIE MEDITERRANEE

I pericoli nelle nostre acque

Sono tanti i pericoli che affronta ...
DIMENSIONE SURF

L'antica arte di valutare le onde

In uno sport basato sulle emozioni ...
CLIMA SURF

Schemi meteorologici e surfabilità del Mediterraneo

Ci sono ...
Archivio magazine »
Scarica gratis Surfnews Magazine