Home Page
IL GIORNODI MARSIGLIA

a cura di Dennis Moullard Condividi SurfNews

Tutti conoscono la costa del Mediterraneo francese e gli affascinanti paesini della Provenza. Un posto dove trascorrere tranquilli l'inverno, senza le frenesie e le basse temperature delle grandi città, un vero paradiso di pace che solo durante l'estate subisce una drastica trasformazione. Il sovraffollamento di turisti coincide con il picco della stagione calda. Tra luglio e agosto mezza Europa scende fino in Provenza per godersi il sole bruciante e il mare calmo e cristallino. La famosa bevanda alcolica 'pastis' induce nella maggior parte dei villeggianti un feeling di « fiesta » continua. Passata l'estate torrida, nessuno penserebbe mai che un luogo di idilliaca vacanza come questo possa tramutarsi in un vero e proprio paradiso per i surfisti della costa mediterranea.

PACE E PATEMI

Per tutta l'estate i locali entrano in uno stato letargico, fatto di relax e viaggi all'estero. Solo con l'approssimarsi dell'autunno la costa mediterranea francese si attiva, il brutto tempo disturba la quiete 'fuori-stagione', ed è capace di regalare giornate epiche alla comunità dei riders. I locali qui, scrutano attenti ogni fonte meteorologica in attesa di una condizione che si verifica meno di cinque giorni all'anno. Sappiamo tutti che quando si parla di onde di qualità in mediterraneo, francesi e italiani condividono gli stessi patemi. Non è lo stesso vento però, che permette loro di surfare. Nonostante il Maestrale sia la fonte primaria di onde in Mediterraneo (e la Francia sia quasi esclusa dalla giostra), quel giorno le condizioni giuste erano proprio in Francia e con vento da Sud.

LA COURONNE

Vogliamo presentarvi 'La Couronne' circa 30 km a ovest di Marsiglia. Qui la ripida costa piega a sud verso il mare aperto, offrendo svariati tipi di fondale lungo le ripide scogliere. Il litorale guarda dritto uno dei fetch più lunghi del mare interno. Quando a tutto questo si sommano le giuste condizioni di vento, 'La Couronne' diventa un'onda di qualità internazionale, ben lontana dai moscioni lenti a cui molti sono abituati da queste parti. Un take-off mozzafiato che ti proietta in una sezione tubosa e velocissima che continua a srotolare fino alla spiaggia oltre cento metri più in basso, senza mai chiuderti davanti. Questa è la ricompensa per chi ha avuto la pazienza di aspettare e la prontezza di esserci al momento giusto. La voce però corre veloce ed attrae più surfers di quello che i nostri amici oceanici possano immaginare. Quando la mareggiata da sud pompa, il line-up si riempie in poche ore e la località estiva tutta 'peace and love' diventa un campo di addestramento invernale per pitbull.

UN APPUNTAMENTO IMPORTANTE

Da qualche giorno tengo fermi tutti i miei impegni per venire a 'La Couronne' e fare un reportage sulla gara organizzata da 'Lost e da Pirate surf shop. Dopo un po' di giorni di attesa le previsioni sembrano finalmente interessanti, il forte vento da sud sta spazzando da molte ore l'intero fetch dall'Algeria alla Francia preparando un bel regalo natalizio ai surfisti provenzali. Arrivo il due di Dicembre, il vento è ancora troppo forte, temporali e condizioni caotiche rendono la prima surfata deludente. Nessuno spot offre onde di qualità con queste condizioni, anche se il mare continua ad ingrossare. Decidiamo di risparmiare energia nella speranza di un domani migliore. Preghiamo, quella notte, perché si calmi il vento, e ci svegliamo alle cinque di mattina per dare un'occhiata alle condizioni. All'alba, ancora nel buio, ci chiediamo cosa troveremo al di la della scarpata e del muro di salsedine che ancora nasconde lo spot. Il vento si è fermato, il suono delle onde che frangono sulle secche è invitante ma nessuno riesce ancora a vedere, nello scuro dell'alba, la qualità dei set. Alcuni locali che conoscono lo spot come le loro tasche entrano in acqua comunque per essere i primi a prendere qualche onda, opportunità che potrebbe anche durare solo poche ore.

SEXY SHOW

I primi raggi di luce arrivano dopo interminabili minuti di attesa nella penombra. Lo scenario è sorprendente. La mareggiata è stesa e splendidamente 'sexy'! L'acqua è verde ed il vento ancora non si è alzato. I set che arrivano toccano i due metri e mezzo. I tubi dell'inside scavano acqua fino a scoprire il tavolato di roccia. Queste gran belle sinistre non sono lasciate sole per molto. Alle prime luci possiamo già vedere almeno venti surfisti, seduti sulle loro tavole, prendere onde uno dopo l'altro. I migliori locali sono già tutti la fuori, mentre sta arrivando anche qualcuno dalla costa atlantica. Tra loro Christian Guevara, Xavier Leroy, Anthony Paillassard, Naoum Ildefosse, Jeremy Brasset sono arrivati per partecipare a questa mareggiata che si prospetta quasi ideale per lo spot. Tra i locali Patrick Munoz, Olivier Latorre, Laurent Gaden, Martin Manche, Olivier Laneyrie, Djéman, Vincent Chasselon danno il benvenuto al team e condividono con gli amici oceanici i magici momenti di questa mattina. Tubi, snaps, rollers, velocità, aerials e tutte le migliori manovre possono essere espresse in condizioni come queste: una situazione che resterà a lungo nella memoria di ospiti e locali. Il Ché (Christian Guevara) è stupefacente in condizioni come quelle di oggi. Col suo surfing aggressivo dimostra a tutti che condizioni 'serie' si possono trovare anche nel Mediterraneo. Le onde di oggi hanno stupito alcuni dei più 'viziati' surfisti europei soddisfando appieno la loro voglia di tubi e sezioni impegnative.

UN EPILOGO TRISTE

Sarebbe stato uno dei giorni migliori della stagione, ma sfortunatamente alla fine della session verso mezzogiorno, riceviamo la notizia che uno dei migliori surfers francesi Malik Jouyeax è appena morto alle Hawaii. Preghiamo per lui, per la sua famiglia.

Ricerca SurfNews
Articoli
AL MAGHEREB


Dio, Nazione e Re. Le tre parole sono disposte a triangolo e la prima ...
IL GIORNODI MARSIGLIA

Tutti conoscono la costa del Mediterraneo francese e gli affascinanti paesini ...
SCIVOLANDO IN LIBERIA

Con il sorgere del sole le nuvole cominciano ad accendersi, portando con ...
STRANE STAGIONI

VERSO CASA

Imponenti blocchi di granito di Gallura sfilano accanto ...
ARTICO

In piedi, sul bordo dell'oceano, credo di essere nel giusto quando propongo ...
Archivio magazine »
Scarica gratis Surfnews Magazine